Cosa c’è di più bello per guardarsi dentro e parlarsi.
Se non stare a contatto con la Natura!

Se ti sapessi spiegare che effetto mi ha fatto il tuo amore.

Questo amore parla a tutto il mondo! Quante lacrime ho versato, senza te vicino è niente! A volte ti chiamo in piena notte. La mente a volte sbaglia e il cuore non perdona. Ma oggi sono qui per riprovarci ancora, anche se queste braccia sono stanche, sono qui, tra vuoto e libertà. In questo tempo perdersi è un abitudine e, a me capita spesso e volentieri. Mi chiedo a che mi serve questa vita in ordine se giorni muti mi accompagnano mentre fisso il cielo; ma resto qui, in piedi perchè la verità è che voglio lottare perchè è stato bello averti accanto e pensare che sarebbe stato per sempre. Mi sono ritrovata a viaggiare con il cuore spento e illudermi, ma non sapevo darti più di quanto ho fatto! Le cose che ho perso mi vengono a cercare senza un minimo di tregua ed io sono un bersaglio facile; la notte mi confonde facendo risalire il buio che c’è in me. A volte penso sia meglio arrendersi che ricominciare, oppure che sia meglio perdersi per non tornare. Ma sono sincera, non riesco più a capire se sto meglio adesso  che sto male sapendo che non potevo darti più di quanto ti ho dato. Ma ho promesso a me stessa di aver cura del tuo ricordo, soprattutto quando gira tutto e non afferro niente e un posto non c’è.

Ti sento da qualche parte ma ti perdo continuamente.

Ma te l’ho promesso: Ci sarà un ritorno, dove sei?

Me lo chiedo da sempre e se parlo al cielo, parlo con te, perchè so che la mia voce ti arriva.